Le novità fiscali del 2017 – Facciamo chiarezza | Il Fisco per i Traduttori

Pubblicato il 25 gennaio 2017 alle 17:54 0 Commenti

di Giuseppe Bonavia

Il 2017 si è aperto con alcune notevoli novità fiscali, delle quali, dopo i primi annunci a caldo, adesso si è in grado di percepire la portata.

Anzitutto, come annunciato, è divenuto legge l’abbattimento del contributo alla Gestione Separata INPS da parte dei liberi professionisti, quali i traduttori e gli interpreti che svolgono l’attività sotto tale forma: si passa dall’aliquota del 27,72% al 25,72%, e ciò a partire dai redditi che si produrranno nel 2017.

Inoltre è stato abolito l’onere di compilare ed inviare ogni tre mesi il modello INTRA -2 (dichiarazione Intrastat) riferito agli acquisti di beni o servizi da soggetti intracomunitari. Questo onere trimestrale scompare dunque dall’agenda dei commercialisti e dei titolari di partita IVA, ma è bene ricordare che non scompare, quindi viene mantenuto, l’obbligo di inviare il modello INTRA riferito alle operazioni attive, rappresentate dalle fatture emesse nei confronti di soggetti intracomunitari.

Nel 2017 si darà poi il via alle mini dichiarazioni IVA e agli spesometri trimestrali, il che comporterà una tempistica più serrata e una maggior attenzione alla corretta e tempestiva compilazione del contenuto delle fatture.

Forse la vera unica consolazione ce la può dare l’abolizione degli studi di settore quale elemento di accertamento di maggiori redditi non dichiarati: lo strumento muterà finalità e portata, divenendo, nelle intenzioni del legislatore, un indicatore di normalità economica, che, se rispettato, assegnerà vantaggi ai contribuenti “virtuosi”. In attesa di conoscere il reale peso di tali vantaggi, che verranno definiti con futuri provvedimenti, godiamoci almeno il fatto che lo Studio di Settore non sarà più uno spauracchio per i contribuenti.

Giuseppe Bonavia è Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Pisa, titolare dal 1990 di uno studio di consulenza e assistenza fiscale. Dal 2005 tiene corsi, seminari ed incontri dedicati a traduttori ed interpreti indipendenti o associati; collabora stabilmente con STL tenendo corsi in aula e effettuando eventi formativi e aggiornamenti on-line su piattaforma webinar. Dal 2015 fornisce consulenze in ambito fiscale e contributivo a prezzi convenzionati per i traduttori allievi di STL.

Questi argomenti sono stati anche oggetto di un recente webinar (20 gennaio), la cui registrazione è ancora a disposizione, per chi volesse acquistarla e approfondire quanto sopra.

Commenti disabilitati.